Dopo la netta sconfitta subita al Bruggliefeld contro l’Aarau per 3-0, il Chiasso non è riuscito a congedarsi di fronte al proprio pubblico con un risultato positivo. Opposti al Riva IV al Vaduz, compagine che li precedeva in classifica di tre lunghezze, i rossoblù sono stati autori di una prova opaca, che li ha visti rincorrere fin da subito. La squadra del Principato ha infatti approfittato di un entrata in materia totalmente approssimativa degli uomini di Abascal per portarsi in vantaggio già al 4′ con Mathis, che ha risolto una mischia dopo una grande parata di Russo. Il primo tempo, contraddistinto da una miriade di errori individuali da entrambe le parti, è poi scivolato via senza particolari sussulti. Se a livello tecnico è sicuramente stata una partita che ha deluso le aspettative, complice anche un campo in pessime condizioni, i momò sono stati per lunghi tratti incapaci di reagire alla fisicità portata in campo dagli ospiti. Nella ripresa qualcosa è cambiato, ma non il risultato, che ha premiato il Vaduz anche grazie ad alcuni interventi di spessore del portiere Jehle. Nel finale da segnalare pure un’episodio dubbio nell’area di rigore ospite: un fallo su Ceesay, che allo scadere ha preso una traversa con un’incornata, poteva starci.