CHIASSO – Dusan Cvetkovic se lo immaginava sicuramente diverso l’esordio da titolare in Challenge League. Impiegato a sorpresa accanto ad Orlando Urbano, l’ex Lugano U21 è stato protagonista già al 3′ dell’episodio che si è rivelato decisivo nell’esito del confronto contro il Wil. Trovatosi impreparato a seguito di uno dei tanti errori di un Soumaré volenteroso ma troppo impreciso, il difensore ha commesso un fallo da ultimo uomo strattonando l’ex Sergio Cortelezzi al limite dell’area: rosso sacrosanto e partita subito in salita. La superiorità numerica dei sangallesi ha così dato vita ad una sfida di facile interpretazione: tanto (sterile) possesso palla per gli ospiti, con i padroni di casa attenti e pronti a ripartire in caso di spazi. Il risultato? Pochissime occasioni su entrambi i fronti, con il solo Audino per la squadra di Konrad Fünfstück vicino al gol ma fermato dal palo al 17′. La storia non è poi cambiata nella ripresa, fino a quando da un corner calciato da Marko Muslin è sbucato Andelko Savic. L’attaccante numero 93, sempre abile nel gioco aereo, ha risolto in mischia, gelando ulteriormente i 500 tifosi giunti al Riva IV. Vani i tentativi finali di un Chiasso stremato dall’inferiorità numerica: solo la velocità di Ceesay è infatti stata causa di qualche grattacapo per la difesa ospite. Altrimenti troppo poco, a partire dai neoentrati Citchanok e Said.

Questo slideshow richiede JavaScript.