Ci siamo ancora, proveremo a ripartire con qualche novità

STABIO – Gli impegni, per tutti quanti, sono molteplici. E, volenti o nolenti, un giorno è composto da sole 24 ore. È questo, in buona sostanza, il motivo che non ci ha permesso di tenere in vita Sportmomò negli ultimi mesi del 2019. Dispiace a voi – lo dicono i (molti) riscontri positivi riguardo questo piccolo grande ritrovo sportivo, e vi ringraziamo! – e a noi, un po’ impotenti di fronte al poco tempo a disposizione. Inutile ora guardarsi indietro, il 2020 ci ha convinto: la buona notizia è che siamo pronti a ripartire. Non cambieremo: le statistiche in nostro possesso ci dicono che sarebbe controproducente. Resteremo gli stessi, possibilmente distaccandoci un poco da tutta quella che è la stretta attualità legata ai risultati, riguardino questi il nostro grande mondo amatoriale o quello piccolo (semi)professionistico. Punteremo maggiormente – non c’è bisogno di nasconderlo – su qualcosa di immediato, che ci permetta di essere efficaci ed efficienti, di “massimizzare” il nostro tempo. Ecco allora che da quest’anno troverete piccolissime inchieste, che verranno tradotte sul nostro sito in una serie di dati di fatto, sui quali vorremmo sapere la vostra opinione. Un esempio: le infrastrutture della regione bastano ad ospitare le varie società sportive? Una serie di semplici dati che metteremo a vostra disposizione potrebbero aiutarvi e aiutarci a rispondere alla questione. Non mancheranno poi le “solite” interviste che, possibilmente presentate via audio, racconteranno la storia di personaggi distintisi in un preciso periodo nella loro disciplina. Cercheremo di riproporvi pure semplici sondaggi su Facebook, come fu, ormai due anni or sono, per la “formazione ideale” del calcio regionale momò. Ecco, saremo questi: tutt’altro che risultati e attualità, ma storia e curiosità. Proveremo ancora (pure) ad essere radio, cercando di non mancare gli appuntamenti clou. Per (ri)scoprirci vi consigliamo di seguirci. Come se non ce ne fossimo mai andati. E perdonateci, perché sicuramente sarà il caso, qualche giorno o settimana di assenza..

Questo slideshow richiede JavaScript.