LUGANO – Prima sconfitta del precampionato invernale per il Chiasso. Dopo la vittoria per 2-0 sulla modesta compagine della Bustese, militante in Serie D italiana, i ragazzi di Guillermo Abascal hanno incontrato il ben più quotato Lugano. Sul campo B dello Stadio di Cornaredo, i rossoblù hanno faticato fin dalle prime battute ad entrare in partita, pagando forse il pesante lavoro fisico svolto in questi primi giorni dell’anno. La squadra di Super League, approfittando anche dell’evidente divario tecnico, non si è fatta pregare ed ha spinto sull’acceleratore, trovando in più circostanze la via che ha portato dalle parti di Russo. I bianconeri sono così andati in rete in ben quattro occasioni nel primo tempo, con Gerndt, Bottani, Daprelà e Crnigoj, mentre Manicone ha abbellito lo score nella seconda frazione. Nel mezzo il punto del 2-1 di Josipovic che ha ribadito in rete da pochi passi.

Sul piano del gioco, come logico che sia, il Chiasso ha dimostrato di essere ancora lontano dalla forma migliore: poca fantasia, poca corsa e idee ancora confuse. La dimostrazione? I soli tre tiri scagliati in direzione di Da Costa e Kiassumbua. Poco male, però: il tempo, in vista del debutto contro il Servette, è ancora molto.