È un Alessandro Maestri ancora emozionato quello che risponde alle nostre domande, qualche settimana fa ha infatti giocato la sua prima partita con la maglia della nazionale rossocrociata U18 nel match che ha visto i giovani elvetici affrontare la nazionale belga di pari età a Cham.

1) Come hai vissuto questa convocazione e il debutto con la nazionale U18

 

2)È difficile comunicare e vivere lo spogliatoio con giocatori che non parlano la tua stessa lingua?

 

3)Quali sono i tuoi progetti per il futuro? A quando il salto nel calcio dei grandi?