Manca davvero poco alla sfida valida per l’entrata nel tabellone principale della Coppa Svizzera tra Novazzano e Taverne. Per i padroni di casa, alla loro prima stagione interregionale, si tratta di un appuntamento che potrebbe scrivere la storia del club, mentre la formazione luganese potrebbe riconfermare l’ottima qualificazione dello scorso anno.
L’occasione è una di quelle da non farsi scappare, considerando che società del calibro di Basilea, Lugano, Young Boys ecc potrebbero ritrovarsi a giocare sui campi del Comunale di Morbio o sul sintetico di Taverne
Per la società novazzanese la partita di mercoledì sera sarà sicuramente un grosso premio per quanto svolto negli ultimi anni, ovvero una cavalcata che li ha portati in 10 anni dalla Quarta Lega ad un calcio di livello quasi Nazionale. Battere il Taverne per Mantovani e colleghi sarebbe quindi un piccolo sogno, dato che la qualificazione vorrebbe dire dar visibilità alla piccola società di un piccolo paesello (di 2’400 abitanti) e di poter incassare una cifra importante derivata dall’incassi di un eventuale grande pubblico, soprattutto se si affronterà una squadra della massima cattegoria. Insomma, la sfida di domani non è solo una partita, ma bensì è la partita della storia giallo-blu. Martinelli e compagni, coscienti dell’importanza della sfida, dovranno ripere quanto fatto il 25 di Marzo, ossia battere davanti al proprio pubblico Mele e compagni. Quest’ultimi, eliminati quest’anno dal Bassersdorf al primo turno, vorranno tornare invece a poter sfidare una formazione importante nel torneo, come successo due anni fa contro l’Aarau o nel 2011 contro il Sion (davanti a oltre 1000 spettatori).
La sfida di domani si prospetta molto interessante ed equilibrata, con la formazione di casa che spera di poter scrivere una piccola grande storia della società, portando il Novazzano per la prima volta ad un turno di Coppa Nazionale.

SHARE
Nato nel 1998, sta attualmente svolgendo l'ultimo anno del suo apprendistato come giardiniere paesaggista. In passato ha collaborato per quasi due anni con il portale Chalcio.com sia come fotografo e sia come membro della redazione.