CHIASSO – Al termine del pareggio a reti bianche con lo Stade Lausanne, valso al Chiasso il primo punto in questo 2021, abbiamo avvicinato Baldo Raineri e Michel Morganella. Il tecnico dei rossoblù non ha nulla da rimproverare alla sua squadra, che ai punti avrebbe sicuramente meritato qualcosa in più; il terzino resta fiducioso per il futuro.


Baldo Raineri

Sulla prestazione – “Oggi non ho davvero niente da dire ai ragazzi, hanno fatto di tutto per portare i tre punti a casa. Se c’era una squadra che doveva vincere la partita, questa eravamo sicuramente noi. Come spesso ripetiamo siamo proiettati sulla lunga distanza, dunque accettiamo anche questo punteggio anche se c’è del rammarico. Io ho visto la stessa partita di Neuchatel ma senza errori. Ora pensiamo a preparare la trasferta di Zurigo contro il Grasshopper”. 

Sulle certezze – “Leggere le mie interviste può essere noioso, dico sempre le stesse cose, ma perché le penso veramente. La verità è che giochiamo, non ci abbassiamo e cerchiamo sempre di fare male offensivamente. Al nostro interno abbiamo delle certezze, poi spesso degli errori ci puniscono severamente, ma per attitudine oggi i ragazzi sono stati perfetti, come in altre circostanze”.

Sul problema del gol – “Il primo tempo andava sicuramente chiuso in vantaggio, su questo non ci piove. Nessuno può dirci che non abbiamo avuto le occasioni per poter segnare. Abbiamo avuto due tap-in con il portiere sdraiato a terra e siamo riusciti a prenderlo in pieno. Però ora possiamo farci poco, andiamo avanti perché sabato è subito qua e dobbiamo recuperare le forze”.

Su Pavlovic – “Sarà pronto il prima possibile, speriamo di averlo a disposizione già nel fine settimana. Sotto questo aspetto abbiamo una carta in più, è un giocatore importante. Su di lui si dicevano tante stupidate, ma lui è un giocatore perfetto sotto tanti punti di vista. Fisicamente sta bene”.

Sulla Coppa Svizzera – “Il rinvio con il Lucerna non cambia nulla, anzi. Dopo due giorni di libero, avremo a disposizione tutta la settimana per preparare al meglio la sfida con lo Sciaffusa. In questo senso è qualcosa di positivo”. 


Michel Morganella

“Di occasioni chiare ne abbiamo sicuramente avute più noi. Nel calcio però può anche non bastare: magari ti tocca un occasione e fai gol, e quando te ne toccano dieci non segni. Dobbiamo sicuramente migliorare di più sottoporta, dove dobbiamo essere più lucidi. Oggi però ci prendiamo con noi tutti gli aspetti positivi. Lo spirito era quello giusto, non abbiamo mai mollato e abbiamo combattuto fino alla fine. Poi abbiamo lasciato loro poche chance, difensivamente siamo stati solidi. Di questo dobbiamo essere contenti. Ci teniamo stretti questo punto, che comunque dà morale e porta un po’ di positività. La classifica conta solo a fine campionato”.